09 marzo 2012

progetti di architettura innovativi per la moda, l’ospitalità, il design.

Contaminazione, trasversalità, rinuncia a definizioni, classificazioni e programmi: riflessioni e atteggiamento che per lo Studio Keyart – Architecture Urban Design si trasforma in progetti di architettura innovativi attinenti la moda, l’ospitalità, il design e le arti.

L’utilizzo delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione ha profondamente cambiato il modo di apprendere, di lavorare e di comunicare di ciascun individuo, cambiando stili di vita consolidati e rendendo più efficiente la comunicazione e l’accesso ai servizi.

Il modo di comunicare, in continua evoluzione e la conseguente, rapida innovazione tecnologica, richiedono un continuo aggiornamento e ricerca in campi e discipline diverse. Il campo di esplorazione si amplia e cambia scala di riferimento, che diventa globale.

L’architettura, il design e l’arte vengono contaminati da una forte tendenza alla smaterializzazione e una spinta alla relazionalità. La relazione dell’utente con lo spazio, attraverso l’uso della tecnologia, apre alla sperimentazione di nuovi linguaggi progettuali.

Lo Studio Keyart – Architecture Urban Design, studio di progettazione con radici a Milano e partnership internazionali, interpreta la sfida all’innovazione in ambito architettonico progettando Concept in continua evoluzione che integrano tecnologie di ultima generazione intelligenti, interattive e multisensoriali per un’utenza con esigenze sempre più complesse e sofisticate.

Esperienze progettuali sospese tra tradizione e futuro, che rispondono ai nuovi stimoli della domanda, non solo del mercato, ma anche legate al sociale e alla ricerca. Interpretazioni che danno risposte alle attese simboliche del presente, trovando nella memoria e nella storia un ruolo ispiratore fondamentale.



Studio Keyart Concept innovativi che aprono nuove visioni

I Concept progettati dallo Studio Keyart aprono nuove visioni che “giocano” con il sempre più sottile margine tra il reale ed il virtuale, spostando la linea di confine tra la fisicità tipica dei manufatti edilizi e la liquidità del cyberspazio e prospettando un futuro in cui i due aspetti si fonderanno in un nuovo modo di pensare e vivere le architetture.

La comunicazione visuale viene applicata all’esterno ed interno degli edifici, in modo interessante e creativo grazie alle nuove strumentazioni multimediali ed illuminotecniche; negli interni si proietta la necessità di accrescere le opportunità di informazione e comunicazione interattiva, includendo nel progetto le potenzialità offerte dalle tecnologie innovative.

L’architettura tende a divenire “intelligente” inglobando in sé media che fino ad ora erano ad essa estranei e proponendosi come un nuovo organismo che arricchisce l’interazione con i propri utenti, creando un forte impatto emotivo e motivazionale.

Progetti, visioni e percorsi di ricerca in cui tecnologie avanzate, strategie e tecniche di comunicazione evolute, architetture sostenibili, ambienti che coinvolgono i cinque sensi, forniscono soluzioni architettoniche innovative sul piano funzionale, emozionale e sensoriale.

Gli spazi progettati grazie alle nuove tecnologie si trasformano in un network di servizi, le superfici diventano il fulcro dell’interazione e la comunicazione tra spazio architettonico e fruitore.

Diventa possibile progettare spazi che abilitano un nuovo tipo di comunicazione uomo-macchina, trasformando un oggetto - come la vetrina di un negozio, un tavolo, uno specchio decorativo, in una superficie dinamica : nuovi strumenti che possono offrire contenuti ed interagire con l’utente.







07 ottobre 2011

Progettazione di innovativi spazi retail con il ricondizionamento di container navali

Progettazione di innovativi spazi retail ottenuti dal ricondizionamento di container navali trasformati in:
-           spazi espositivi temporanei
-           spazi espositivi itineranti
-           temporary shop
-           stand fieristici ed eventi itineranti.
Particolarmente duttile, questo progetto consente di essere presenti in aree  strategicamente vitali delle principali città e località turistiche italiane ed estere.

+ EVENTI
-            mostre itineranti
-            spazio promozionale
-            lancio flagship store (anticipazioni di  brand o prodotti in nuovi mercati)

+ SPAZI ESPOSITIVI OUTDOOR
-            spazi espositivi temporanei
-            spazi espositivi itineranti
-            temporary shop
-            temporary show room

+ CHIOSCHI URBANI
-           promozione
-           vendita

+ STAND
-            stand fieristici interni ai padiglioni
-            stand fieristici esterni ai padiglioni










29 settembre 2011

Studio Keyart – Architecture Urban Design is part of the Fashion Alliance by IBM





Studio Keyart – Architecture Urban Design is part of the Fashion Alliance by IBM, an Italian project promoted by IBM to offer innovative solutions for the fashion industry, through putting together selected partners to match the market needs with cutting edge solutions.


The Fashion Alliance is an initiative by IBM Italy and is formed by companies offering innovative solutions for fashion retail and new concept intelligent stores. These include interactive technologies for shops and virtual and augmented reality installations to enhance the shopping experience.


IBM Fashion Alliance is a movement that uses the potentials of the latest technologies to satisfy everyday needs.
Each Business Partner owns specific and unique skills, but at the same time belongs to a whole team, with the same objectives and disparate resources, in order to share ideas and solutions and to generate concrete projects.


An Alliance as an opportunity, to propose the IBM’s technological expertise and computing capabilities through new multimedia interfaces, and become a new, interactive link between user and technology.


Studio Keyart, within the Fashion Alliance, provides architectural solutions. Architecture and product design, interior design with specialization in the contract field and more particularly, private houses, hotel design, tourist facilities, hospitality and retail structures.

09 settembre 2011

STUDIO KEYART ARCHITECTURE URBAN DESIGN

www.keyart.it
Studio keyart - Architecture Urban Design – Italy, Milan

Multi-disciplinary architecture consultant has succeeded in developing high-level skills in the field of architecture, project management, industrial design and visual communication. Celebrating 20 years as a firm, Studio Keyart proves reliability, consistency and vision are an integral core of our professional competencies.


Activities
Architecture and product design, interior design with specialization in the contract field and more particularly, private houses, hotel design, tourist facilities, hospitality and retail structures.

Our Firm’s Cutting Edge
Studio Keyart takes a contemporary approach to architectural design, creating innovative, sustainable, modern architecture that are comfortable for living and entertaining. Our qualified Architects and professional designers who create the most inviting and trend setting architecture and building designs in the industry.

From dream to final construction Studio Keyart focuses on satisfying the goals of our clients by bringing innovative architecture and interior designs to life.

28 giugno 2011

INTERNATIONAL MEETING OF ARCHITECTURE AND ENGINEERING

For Performing Arts/Research & Training- First round of conferences 2011
INTERNATIONAL MEETING OF ARCHITECTURE AND ENGINEERING FOR THE ENTERTAINMENT AND LEISURE INDUSTRY
Seminaries and workshop 15 - 17 May 2011


SHOW WAY (BERGAMO FIERA)
The International Festival of Scenic Arts (IFSArts) organises professional training through a network of seminars, internships and workshops, presented in European states, with the aim of promoting work opportunities and acquisition of skills and know-how at a European level between practitioners and emerging architects and designers across the industry spectrum. The themes addressed will be divided into categories encompassing the entire spectrum of the entertainment industry, ranging from production design for film and television productions to theatre and live performance while highlighting the structural and aesthetic differences inherent in projects for recorded and live entertainment. We will also be looking at how architectural structures become fertile narrative terrain for scenic arts in general. This will also be a cue to examine the dualistic aspects of architecture-scenography, to effectively understand the dissimilarities, the contrasts or their parallel aspects and similarities.


The Festival's agenda consists of symposia conducted by architects, scenographers, directors, lighting and sound designers, interior designers, engineers and special effects supervisors and in addition offers opportunities in work experience, a programme of masterclasses and competitions. The themes addressed will comprise scenic construction and planning, stagecraft, lighting design, sound engineering, mechanical engineering, scenery painting and interior design. Particular attention will be paid to the use of new digital technologies applied to theatre design.


Target sectors
Professional Categories: Architects, engineers, production designers, set decorators, sculptors, lighting and sound designers, illustrators, scenery painters, special effects supervisors, directors, producers, exhibitors, stage product managers, service providers, theatre and film companies.
Educational: Faculties of architecture and engineering, arts academies, design institutes, arts institutes, film and theatre institutes.
Industry Sectors: Professional studios, film and television industry, theatre companies and opera houses, film and television studios, live events, theme parks, urban design and town planning.

30 novembre 2010

I nuovi alessandrini

Esempi che adottano un approccio alla ricerca di tipo 2.0 sono:

- Open Wet Ware, un progetto del MIT teso alla condivisione dell’esperienza, delle informazioni e della Scienza 2.0. Venti laboratori, appartenenti a varie istituzioni sparse in tutto il mondo, utilizzano il sito del progetto basato su una piattaforma wiki, per scambiarsi idee, standardizzare protocolli di ricerca e persino condividere materiali e tecnologie. I laboratori prevedono di generare feed RSS, che consentiranno di essere sempre informati sui risultati delle ricerche in tempo reale e quindi di usare le nuove conoscenze per stendere/modificare collettivamente i report;

- Progetto Genoma Umano, che ha segnato un momento di svolta in cui una serie di aziende farmaceutiche hanno abbandonato i loro progetti proprietari legati al genoma umano per sostenere le collaborazioni aperte.

- l’European Bioinformatics Institute, che mette a disposizione della comunità biomedica un infinità di dati genomici prodotti dal Progetto Genoma Umano, attraverso il sito www.bioinformatics. org, sul quale vengono anche ospitati più di 250 progetti in corso che estendono le pratiche caratteristiche dello sviluppo del software open source ai data base e alle applicazioni utilizzate nell’ambito della ricerca biologica. Si stanno sperimentando infatti nuovi sevizi web per rivoluzionare le modalià di estrazione e interpretazione dei dati provenienti da fonti diverse e per creare servizi di raccolta e analisi dei dati del tutto inediti. Grazie a tutti gli sforzi fatti dalle aziende che vi partecipano, è stata creata la GenBanck, il data base pubblico di dati genetici più vasto del mondo, in cui il National Institute for Health statunitense ha raccolto le sequenze genetiche e tutti gli altri dati correlati.

- Nature, una delle pubblicazioni scientifiche più importanti al mondo, invece promuove lo sviluppo della Scienza 2.0.

- Le università rivestono un ruolo cruciale nella R&S dell’ impresa:
Spesso le imprese si focalizzano su di un prodotto maturo che ha portato l’ azienda al successo, e non sono motivate ad implementarlo con nuove tecnologie, bensì si limitano solamente ad un suo perfezionamento; tuttavia esse necessitano di una ricerca in nuove aree di business per anticipare la concorrenza e promuovere la crescita. Il mezzo più agile ed economico è quello di stabilire una partnership con le Università, per individuare l’innovazione e lanciarla sul mercato, permettendo all’ impresa di essere all’ avanguardia e di
anticipare le mosse della concorrenza.

La metafora di un nuovo modo di concepire l'economia e il business

È il mondo in cui milioni di persone interconnesse tramite e-mail, blog, network, community e chat usano Internet come la prima piattaforma globale di scambio. È il mondo della collaborazione, della comunità, dell'auto-organizzazione che si trasformano in forza economica collettiva di dimensioni globali. È il luogo in cui consumatori, lavoratori, fornitori, business partner e anche concorrenti sfruttano la tecnologia per innovare insieme.
Nella wikinomics le scelte di collaborazione sono infinite, per esempio: ci si può collegare a una comunità internazionale di scienziati per partecipare alla ricerca sul genoma umano; si possono produrre clip informative per YouTube o sperimentare nuove idee nella comunità di Second Life; ci si può unire alla divisione virtuale di R&D di aziende come Procter & Gamble e contribuire allo sviluppo di nuovi prodotti; si può partecipare al design delle funzioni interattive della prossima auto innovativa. Questa nuova partecipazione - "peer production" - sta cambiando il modo in cui beni e servizi vengono inventati, prodotti, commercializzati e distribuiti su scala globale.

Applicazione in architettura dei sette nuovi modelli di collaborazione diffusa

Prossimamente pubblicheremo delle riflessioni circa l'applicazione in architettura dei sette nuovi modelli di collaborazione diffusa proposti nel libro Wikinomics 2.0:

peer pioneers - I pioneri della peer production ovvero i migliaia di volontari che danno vita a progetti innovativi con risultati migliori di quelli di imprese più grandi.
ideagoras - Le ideagorà. Il mercato delle idee consente alle imprese di attingere a talenti competenti su un bacino globale.
prosumers - produttori-consumatori
new Alexandrians - I nuovi alessandrini. Una nuova scienza della condivisione.
platforms for participation - Le piattaforme partecipative. Creare valore aprendo i prodotti e le infrastrutture tecnologiche.
global plant floor - La catena di montaggio globale
wiki workplace - La wikimpresa. La collaborazione di massa sta affondando le radici negli ambienti di lavoro.

Wikinomics - concetti

Secondo Tapscott e Williams la Wikinomics (traducibile con Wikinomia) si basa su quattro principi: apertura, peering, condivisione e azione di portata globale e può rappresentare un motore di innovazione e creazione di ricchezza su una scala mai raggiunta prima.

L'utilizzo di collaborazioni massicce per iniziative aziendali, nella storia recente, si puo` considerare come un passo ulteriore della tendenza delle aziende verso l' outsourcing: esternalizzare verso entità produttive esterne delle funzioni che in precedenza venivano svolte all'interno dell'azienda. La novità sta nel fatto che invece di un unico gruppo operativo organizzato aziendalmente per svolgere una sola ben determinata funzione, la collaborazione massiccia e diffusa si avvale di agenti individuali liberi che si riuniscono (in genere virtualmente) per cooperare al fine di migliorare una data operazione o per risolvere un problema. Per sottolineare questa differenza, questo genere di outsourcing viene anche chiamato crowdsourcing.

Wikinomics 2.0. La collaborazione di massa che sta cambiando il mondo

La rapida e universale diffusione di Wikipedia, l'enciclopedia online a cui tutti possono accedere e collaborare liberamente, è diventata la metafora di un nuovo modo di concepire l'economia e il business: la wikinomics. È il mondo della collaborazione, della comunità, dell'auto-organizzazione che si trasformano in forza economica collettiva di dimensioni globali.
È il luogo in cui consumatori, lavoratori, fornitori, business partner e anche concorrenti sfruttano la tecnologia per innovare insieme.
Questa nuova partecipazione - "peer production" - sta cambiando il modo in cui beni e servizi vengono inventati, prodotti, commercializzati e distribuiti su scala globale. La "wikinomics", come la rete, è in espansione continua. la seconda edizione del libro è stata aggiornata con una prefazione che dà conto di quanto accaduto dall'uscita della prima, un capitolo dedicato alle critiche rivolte alla wikinomics e al suo "lato oscuro" e un nuovo capitolo, scritto in collaborazione con i lettori, che analizza gli strumenti e le strategie che le aziende devono adottare per approfittare delle opportunità offerte dalla collaborazione di massa.
Autori: Tapscott Don; Williams Anthony D.

Stili di pensiero e non più di vita

"Sul terreno della riflessione sociologica diventa più interessante ragionare sul concetto di mindstyle (stile di pensiero), piuttosto che di lifestyle (stile di vita), enfatizzando le caratteristiche che segnano questo scarto: l’immaterialità e la fluidità del pensiero rispetto a una vita materiale ordinata secondo categorie estetiche e stilistiche. Non a caso negli anni Ottanta e Novanta si è parlato nel settore della moda di «isole di stile», mentre oggi parliamo piuttosto di reti relazionali o di flussi percettivi. La rete non propone semplicemente una molteplicità di stili, ma una ridefinizione radicale del pensiero, a partire dalle sue qualità etiche ed estetiche, prima ancora che stilistiche: il concetto stesso di stile rischia di «affogare» nella rete, se non è supportato dalla definizione di concetti vitali, che si nutrono di passioni individuali. È in questo passaggio delicato che lo stile perde la sua forza di attrazione preventiva, per lasciare spazio alla sensibilità personale e collettiva, che nel processo vitale e nel metabolismo qualitativo produce i propri linguaggi e le proprie estetiche. "

da: Francesco Morace Previsioni e Presentimenti, Sperling & Kupfer, 2000.

16 novembre 2010

ARCHITECTURE CONCEPTS and FUTURE VISION

Tecnologie innovative, strategie e tecniche di comunicazione evolute, architetture sostenibili, ambienti che coinvolgono i cinque sensi sono le radici dei concepts architettonici elaborati dallo Studio Keyart – Architecture Urban Design.

Lo Studio Keyart – attraverso un’intensa attività di ricerca in differenti ambiti-- ha individuato tecnologie e prodotti tra i più avanzati per:

• innovazione tecnologica

• sostenibilità

• rilevanza formale e funzionale.

Dalla elaborazione ed utilizzo innovativo delle tecnologie individuate, nascono concepts architettonici nell'ambito del contract e più in particolare della progettazione di soluzioni che integrano tecnologie di ultima generazione intelligenti, interattive e multisensoriali nei cinque ambiti funzionali individuati dallo studio:

1. HOSPITALITY > hotel, resorts, strutture turistiche;

2. WELLNESS > spa, centri benessere delle strutture alberghiere,centri termali, etc.

3. RETAIL > boutique, negozi;

4. RESIDENZE PRIVATE

5. SHOPPING MALL > GDO – grande distribuzione organizzata


Progetti e suggestioni architettoniche per un’utenza con esigenze sempre più complesse e sofisticate che richiedono soluzioni adeguate sia sul piano funzionale che emozionale e sensoriale. Diventano importanti le interazioni che si creano tra l’utente e lo spazio per poter offrire al fruitore un’esperienza unica e coinvolgente.

Augmented reality un ponte tra il reale e il virtuale, spazi che “apprendono” le esigenze, visioni interattive per comunicazioni più efficaci diventano così gli strumenti della progettazione di spazi vitali all’interno dei quali compiere esperienze.



Il villaggio turistico... solare

Nella terra del sole e del mare, tra uliveti e frutteti, terre calcaree ricche di fresche grotte e di spiagge che si tuffano direttamente nel Mediterraneo, sorge un villaggio turistico diverso dagli altri......sì perché questo produce energia pulita direttamente dal sole.
È IL Club Marispica - appartenente alla catena 'I Grandi Viaggi' - che ha inaugarato un nuovo impianto fotovoltaico, in collaborazione con Isofotòn Italia. L'intera struttura sfrutterà il sole, per produrre di energia elettrica da immettere direttamente in rete.
I moduli sono stati posizionati su una tettoia sovrapposta ad uno dei capannoni di servizio, nel retro del villaggio, con una struttura progettata in loco, che ha permesso la completa integrazione dei moduli creando una pergola fotovoltaica. L'installazione, progettata in un unico blocco, si estende su 400 mq di superficie. L'orientamento è completamente a sud con un'inclinazione ottimale di 29º.

I Grandi Viaggi confermano l'attenzione ad un modo diverso di fare turismo, più 'ecoattivo', come da loro stessi definito.

Infatti nel villaggio questo non è l'unico atteggiamento eco-consapevole adottato: si và da l'effeciente raccolta differenziata che raccoglie oltre 100 mila kg di rifiuti - durante i quattro mesi di intensa attività - all'uso di carta riciclata nelle stanze, alle lampadine a basso consumo che illuminano tutti gli ambienti interni del vilaggio. La spiaggia ospitante i vacanzieri ha inoltre ricevuto, per la settima volta consecutiva, la Bandiera Blu di Legambiente.

La parte strutturale, l'installazione e l'allacciamento alla rete, è tutta ad opera di aziende locali, dimostrando come questo nuovo modo di fare energia, possa pure creare un nuovo mercato del lavoro.

Nel viaggio dall'aeroporto al villaggio colpisce subito, oltre al tipico paesaggio mediterraneo, la grande quantità di impianti solari termici, concentrati soprattutto sulle abitazioni e quelli fotovoltaici, visibili per lo più sui tetti delle aziende.

E questo è certamente un segnale positivo: pensate che a parità di impianto, uno costruito a queste latitudini, produce il 30% di energia in più se fosse posto al Nord Italia o nelle regioni alpine.

TOP TEN GREEN PROJECT 2009

Ecco una panoramica delle costruzioni premiate nel 2009 dal AIA/COTE the American Institute of Architects:

World Headquarters for IFAW
Project name: World Headquarters for IFAW
Project owner: International Fund for Animal Welfare
Location: Yarmouthport MA
Architect:designLAB architects, inc.
Project name: The Terry Thomas
Project owner: Thomas & Terry LLC
Location: Seattle WA USA
Architect: Weber Thompson


Project name: Synergy at Dockside Green
Project owner: Windmill West and Vancity Developments
Location: Victoria BC Canada
Architect: Busby Perkins+Will

Project name: Shangri La Botanical Gardens
Project owner: The Nelda C. and H.J. Lutcher Stark Foundation
Location: Orange TX
Architect: Lake Flato Architects

Project name: Portola Valley Town Center
Project owner: Town of Portola Valley
Location: Portola Valley CA
Architect:Goring & Straja Architects
Siegel & Strain Architects

Project name: Jewish Reconstructionist Congregation
Project owner: Jewish Reconstructionist Congregation
Location: Evanston IL
Architect: Ross Barney Architects
Full project profile: http://www.aiatopten.org/hpb/overview.cfm?ProjectID=1304

 

Project name: Great River Energy Headquarters

Project owner: Great River Energy
Location: Maple Grove MN
Architect: Perkins+Will
Full project profile: http://www.aiatopten.org/hpb/overview.cfm?ProjectID=1303

12 ottobre 2010

IN TRENO DA BRUXELLES AD AMSTERDAM GRAZIE ALLE RINNOVABILI


Un impianto fotovoltaico unico nel suo genere, sul tetto del tunnel dell'alta velocità in Belgio, permetterà ai passeggeri dei treni da Bruxelles verso Amsterdam di viaggiare ad energia verde.
Un impianto fotovoltaico unico nel suo genere, sul tetto del tunnel dell'alta velocità in Belgio, permetterà ai passeggeri dei treni da Bruxelles verso Amsterdam di viaggiare ad energia verde.
Un accordo di partnership tra Enfinity, società con attività nel settore dell'energia rinnovabile, Infrabel, il gestore dell'infrastruttura ferroviaria Belga e i comuni di Schoten e Brasschaat, permetterà l'installazione di 16.000 pannelli fotovoltaici sul tetto della galleria ferroviaria dell'alta velocità lungo l'autostrada E19 in Belgio, per una lunghezza totale di 3,4 Km e saranno in grado di sviluppare una potenza pari a 3,92 MWp.

"Nei prossimi mesi, una squadra di tecnici installerà più di 16.000 pannelli solari monocristallini (245 Wp per pannello) sul tetto con una speciale struttura a zavorra, senza perforazioni sul tetto stesso - ha affermato Patrick Decuyper, CEO di Enfinity Europa - durante l'installazione dovremo tener conto naturalmente delle vibrazioni del tetto, che possono verificarsi quando i treni attraversano a tutta velocità il tunnel".

L'impianto la cui installazione ha avuto inizio l'estate scorsa sul lato nord del tunnel, dovrebbe generare 3,3 MWh di energia elettrica l'anno, pari al consumo medio annuale di 950 famiglie. Grazie a questo progettto saranno risparmiate più di 47.300 tonnellate di emissioni di CO2 in atmosfera, per un periodo di 20 anni.

Infrabel utilizzerà così l'energia verde del raccordo Nord-Sud Anversa per alimentare sia i treni convenzionali che quelli ad alta velocità sulla linea Amsterdam - Bruxelles - Parigi.

Anche in Italia, più precisamente in Sicilia, nel tratto autostradale della A18 che collegherà Catania a Siracusa, partirà un progetto molto simile: grazie a un impianto che conterà ben 80 mila pannelli fotovoltaici, le luci, i ventilatori presenti nelle gallerie, le indicazioni stradali e i telefoni per le chiamate d'emergenza, funzioneranno con l'energia del sole, pulita e rinnovabile.

KEMPINSKI RESIDENCES - ST. MORITZ APPARTAMENTI PRIVATI

L’intervento architettonico presentato è stato realizzato dallo Studio Keyart -studio internazionale di progettazione con sede a Milano - a St. Moritz nel cuore dell’Alta Engadina.

St. Moritz è una delle località di montagna più ricche di tradizione: ad un'altitudine di 1.856 metri St. Moritz offre ad una clientela internazionale attrazioni e divertimento, cultura e storia ed una natura mozzafiato.

Allo Studio Keyart è stata affidata la progettazione e realizzazione di alcuni appartamenti privati situati all’interno della struttura del Kempinski Residences, annesso al Kempinski Grand Hotel des Bains.

Pensato e costruito come parte integrante del Kempinski Grand Hotel des Bains, Il Kempinski Residences di St. Moritz offre l’opportunità di vivere in un resort di lusso affittando a lungo termine una casa privata costruita direttamente sulle fonti termali che hanno reso famosa St. Moritz.

Annesse al complesso alberghiero le residenze hanno facile accesso ai ristoranti, al centro benessere St. Moritz High Alpine SPA, alla piscina, ai Centri di terapia e a tutti i servizi offerti dalla struttura dell’hotel.
Il complesso offre quindi ai residenti un servizio a 5 stelle nella privacy ed il comfort di una casa alpina privata di lusso.

Le fotografie e gli elaborati di progetto mostrano la realizzazione di un appartamento di vacanza privato di circa 1.000 mq,.suddiviso in due appartamenti e differenti ambiti: un appartamento principale ed un appartamento limitrofo per gli eventuali ospiti o per lo staff.

L’appartamento principale è suddiviso in ambiti privati e spazi comuni, ogni ospite ha spazi privati costituiti da suite composte da soggiorni ed aree intrattenimento: zona notte, dressing room, zona trucco ed ampio bagno/area benessere; gli spazi comuni di condivisione sociale e di intrattenimento hanno un ingresso separato e sono costituiti da un vestibolo attrezzato, da un grande salone, sala da pranzo, cucina ed area catering per l’utilizzo dei servizi dell’albergo.
All’interno dell’appartamento principale una zona separata dal corridoio centrale è dedicata ad ulteriori eventuali ospiti o personale di servizio privato.

Le stanze godono di panorami mozzafiato sulle vicine montagne, la zona giorno ha un doppio affaccio che la rende luminosa e con viste suggestive godibili dai diversi terrazzi degli appartamenti : è “il grande spettacolo della natura” quello che si presenta ai cinque sensi degli ospiti.

Lo studio di progettazione - Studio Keyart- ha saputo tradurre i desideri dei clienti dando agli interni atmosfere in sofisticato equilibrio tra creatività, enfasi delle caratteristiche ambientali e l’utilizzo di arredi e tessuti scelti tra le eccellenze del design italiano.
Su indicazione della committenza l’arredo e le finiture sono minimali e l’intervento è stato curato dallo studio di architettura in ogni dettaglio: arredi, lampade, tessuti, quadri, oggettistica, vasi, fiori ed elementi decorativi.

Spazi ed atmosfere che enfatizzano creatività, personalizzazione degli ambienti, comfort, dinamismo e relax. Progetto costruito intorno al mondo del design italiano, della tecnologia, dell’arte e comunicazione visiva.

I diversi ambiti privati sono il risultato della volontà di personalizzazione dei diversi ambienti da parte dello studio di progettazione, utilizzando differenti modalità espressive e creative con l’intento di creare nei diversi spazi un’unica e imprescindibile identità, concentrandosi sull’idea di lavorare sui materiali, sui colori, sui contrasti, sulle luci e sulle ombre, sulle trasparenze.Spazi progettati secondo un concept ricercato dove il design attento alle forme, ai colori, alle luci, diventa il mezzo per comunicare un'esperienza emozionale e privata ai fruitori. Spazi moderni, funzionali, contemporanei, studiati e curati in ogni dettaglio e dedicati al design italiano.

Gli interni sono tutti molto ricercati ed impreziositi da tessuti di finitura e d’arredo pensati e scelti puntualmente dal progettista per definire l’atmosfera di ogni spazio. Le camere diventano ambiti espositivi per elementi di design, arricchiti da quadri ed oggetti decorativi.

Ambienti minimalisti ma estremamente rilassanti, dove si percepisce un' estrema ricerca del bello attraverso un design essenziale.La sensazione è quella di essere dentro ad uno spazio complesso dove tutto è da osservare e tutto richiama l' attenzione perchè piacevole da guardare.

Nella sala da pranzo si trovano arredi progettati dallo Studio Keyart: l’utilizzo di essenze e materiali eleganti illuminati in modo sapiente dalla luce definiscono atmosfere ricercate ed uniche. Per enfatizzare le caratteristiche sofisticate dell’ambiente sono state studiate anche le atmosfere dei momenti conviviali:per la tavola da pranzo sono stati scelti tessuti, bicchieri, servizi di piatti ed accessori completi dal design raffinato per un’accurata attenzione estetica dei dettagli.

L'utilizzo di un design ricercato che possa regalare un' esperienza unica al cliente ha stimolato la progettazione dello Studio Keyart, trasformandosi in ricerca di nuovi materiali, tecnologie e nuove forme di progettazione che hanno portato a far nascere il concept del “multisensorial hotel” presentato dallo studio di architettura a settembre al Victoria & Albert Museum in concomitanza con il London Design Festival.

La tendenza degli Hotel di tutto il mondo è di proporre spazi che coinvolgono emotivamente il cliente, così da offrire un'esperienza sensoriale unica: il concept progettato e presentato a Londra dallo studio Keyart prevede la costruzione di spazi molto sofisticati e tecnologicamente avanzati in grado di accendere l'immaginazione coinvolgendo i sensi dei clienti, creando una comunicazione polisensoriale.

15 aprile 2010

PREMIAMO IL FUTURO!

Accessibilità, sostenibilità e qualità della vita: sono stati questi i criteri di scelta dei prodotti in gara per il Well-Tech Award 2008, premio all'innovazione tecnologica.

WT Award è un premio internazionale all'innovazione tecnologica giunto quest'anno alla Decima edizione.
Ogni anno l'Osservatorio Well-Tech, attraverso una costante attività di monitoraggio del mondo della produzione e della ricerca, rileva e censisce centinaia di prodotti world wide.

Le sessanta innovazioni che si distinguono a livello internazionale per innovazione tecnologica e valori di accessibilità, sostenibilità e qualità della vita sono candidate al premio.

WT Award is a prize for technological innovation now in its 10th edition.

Through a continuous activity of monitoring the world of manufacture and research, each year Well-Tech's observatory unearths sixty products that stand out at an international level for their technological innovation and their qualities of accessibility, sustainability and quality of life.

PERSONAL COMPUTER "O-WATT" ZERO ENERGIA ELETTRICA IN STAND-BY

Lanciato il primo personal computer anti-spreco: quando è in standby non consuma elettricità ma può funzionare lo stesso, preserva l'efficienza, meno costi, più ecologia

A PITTSBURGH UN GRANDE ESEMPIO DI ARCHITETTURA SOSTENIBILE

A Pittsburgh è stato costruito il più grande edificio a basso impatto ambientale del mondo. Raggiunge il suo alto standard ecologico grazie ad un concentrato di tecnologie verdi.

Si tratta del David L.Lawrence Convention Center, costo 370 milioni di dollari, grande 500mila metri quadri, finanziato in parte dalla fondazione Howard Heinz che è presieduta da Teresa Heinz, moglie di John Kerry, candidato alle ultime presidenziali Usa. L'edificio è stato progettato dall'architetto Rafael Vinoly di New York.

La qualità ecologica si esprime in primo luogo attraverso un considerevole risparmio energetico, intorno al 35% rispetto allo standard di questo tipo di edificio, in secondo luogo attraverso un ambiente sano, con un'illuminazione di qualità e non inquinato da materiali contenenti sostanze tossiche. Così il 75% dell'area espositiva (in totale ca. 40'000 metri quadri) viene illuminata a sufficienza dalla luce naturale, grazie a delle aperture nel tetto e a delle grandi vetrate esposte in modo appropriato. Un sistema di ventilazione naturale che "cattura" aria fresca dal vicino fiume e la incanala all'interno degli spazi rende superflua l'aria condizionata e aiuta a mantenere una temperatura costante. L'acqua dei vari servizi viene trattato sul posto e riciclato per uso non potabile, un sistema che permette quasi il 60% di risparmio. Molti dei materiali utilizzati nella costruzione sono riciclati, inoltre sono state scelte tinte e tapezzerie che non contengono sostanze tossiche, in modo che ci sia un microclima sano.

Il Convention Center è stato premiato per la sua qualità ecologica con un certificato "Gold Leed". Teresa Heinz: "Questa certificazione dimostra che è possibile coniugare un design di prima classe con un progetto che ha una grande espansione nello spazio e dedicare nello stesso tempo attenzione alle persone e all'ambiente."

Building History
What began as a vision by a group of determined government, corporate and non-profit foundation leaders became a reality in September 2003 with the official dedication ceremony of the David L. Lawrence Convention Center. The opening of the 1.5 million square foot building was so anxiously anticipated by the convention and exposition industry that the building hosted many large trade shows while still under construction.

When a city offers an overall package that includes ease of transportation, affordable lodging, distinctive dining options and diverse leisure activities, everyone wants to plan their meetings, conventions, trade shows and events there. That’s the Pittsburgh package, but prior to 2003, the Center’s space was limited.

11 dicembre 2008

I PAESI PIU' ATTENTI ALL'AMBIENTE LA CLASSIFICA

 Quest'anno nessuna nazione ha soddisfatto i requisiti per le prime 3 posizioni



  1. -
  2. -
  3. -
  4. SVEZIA
  5. GERMANIA
  6. FRANCIA
  7. INDIA
  8. BRASILE
  9. REGNO UNITO
  10. DANIMARCA
  11. NORVEGIA
  12. UNGHERIA
  13. ISLANDA
  14. MESSICO
  15. PORTOGALLO
  16. SVIZZERA
  17. ARGENTINA
  18. LITUANIA
  19. LETTONIA
  20. MAROCCO
44. ITALIA
54. RUSSIA

55. AUSTRALIA
56. KAZAKHSTAN

57. LUSSEMBURGO
58. STATI UNITI
59. CANADA

60. ARABIA SAUDITA

Fonte: Germanwatch 2008
IL NOBEL CHU ALL'ENERGIA PER AFFRONTARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI
Obama ha scelto i componenti della sua squadra ambientale.
Spicca il professor Steven Chu, premio Nobel per la fisica nel 1997, al dipartimento per l'Energia.

WASHINGTON - Sarà il professor Steven Chu a prendere in mano le redini del sistema energetico statunitense. Chi pensava che gli impegni di Barack Obama su ambiente e rivoluzione verde dell'industria fossero semplici promesse elettorali dovrà ricredersi. Questo, almeno, fanno intendere i nomi scelti dal presidente eletto degli Stati Uniti per alcuni ruoli chiave dell'amministrazione.

Spicca, in particolare, la decisione di affidare lo strategico dipartimento per l'Energia al premio Nobel per la fisica Steven Chu. Docente all'Università di Berkeley, in California, Chu, 60 anni, è un'autorità accademica in materia di ricerca di fonti energetiche alternative e rinnovabili.

La sua nomina rappresenta una rottura drastica quindi con l'amministrazione Bush, affollata da personaggi provenienti dalle grandi compagnie petrolifere. Il presidente eletto ha anche scelto come capo dell'Epa, l'agenzia federale per l'Ambiente, Lisa Jackson, ex responsabile per l'ambiente nel New Jersey, uno degli Stati che hanno volontariamente (anche se simbolicamente) aderito a un accordo tra stati molto simile al Protocollo di Kyoto. Carol Browner, ex capo dell'Epa della Florida e stretta collaboratrice di Al Gore, avrà inoltre un posto di coordinatrice delle politiche energetiche e ambientali dell'amministrazione.

Completerà la squadra, secondo le indiscrezioni rilanciate dai media americani, Nancy Sutley, vice sindaco di Los Angeles, che verrà nominata alla guida del Council on Environmental Quality, un altro organismo della Casa Bianca dedicato all'ambiente.

Altra scelta dal valore fortemente simbolico da parte di Obama, è stata quella di far trapelare l'organigramma a poche ore da un faccia a faccia con Al Gore, l'ex vicepresidente divenuto un uomo-simbolo delle battaglie contro il cambiamento climatico.

10 dicembre 2008

FONTI RINNOVABILI NEGLI USA
Un rapporto del Worldwatch Institute parla della strada per arrivare a un'economia a basse emissioni di gas serra. Tra 20 anni le fonti rinnovabili potrebbero fornire quasi il 60% dell'elettricità Usa, mandando in pensione il carbone.

Le nuove tecnologie permetterano una rapida decarbonizzazione del sistema energetico mondiale nei prossimi vent’anni. Negli Usa, da qui al 2030, le fonti pulite renderanno possibile la chiusura di centinaia di centrali a carbone, eliminando un terzo delle emissioni e creando milioni di posti di lavoro. È un report che emana ottimismo quello pubblicato ieri (4-12-08) dal Worldwatch Institute che si intitola “Low-Carbon Energy: A Roadmap” e parla della transizione verso un'economia a basse emissioni.
“Le tecnologie che servono a decarbonizzare l’economia, a differenza di quelle per il sequestro della CO2, sono già all’opera e destinate a rendere obsolete le fonti fossili”, dichiara Christopher Flavin, presidente dell’istituto e autore del report. Lo studio, focalizzato soprattutto sulla realtà statunitense, dipinge scenari e indica il percorso verso un sistema energetico che permetta di contenere il riscaldamento globale.
Il solare - si vede in una delle figure proposte dal report - ha la potenzialità teorica, con le tecnologie attuali, di fornire circa più di 4 volte il fabbisogno energetico mondiale e 7 volte quello dei soli Stati Uniti; anche geotermia e eolico hanno ciascuno un potenziale superiore al fabbisogno del pianeta. Fondamentale dunque per decarbonizzare l’economia – raccomanda lo studio - spingere sulle rinnovabili, specie quelle dei piccoli impianti e sull’efficienza enegetica; ad esempio, quella degli edifici - responsabili del 40% dei consumi Usa - che secondo il report potrebbero usare il 70% di energia in meno. Un ruolo di primaria importanza lo deve avere poi anche la cogenerazione: l’80% dell’energia attualmente dispersa sotto forma di calore può essere infatti recuperata e dare agli Stati Uniti almeno 150 gigawatt più di quello che ora fornisce il nucleare.
Lo scenario proposto dal report per il 2030 riguardo alla produzione di elettricità negli Usa, è incoraggiante. La fetta delle fonti fossili - attualmente il 68% della torta - diventa il 36%, da produrre in cogenerazione. Il nucleare, secondo lo scenario, scenderà dal 20% attuale al 7%, mentre il restante 57% dell'elettricità Usa, nel 2030 verrà tutta da fonti pulite. Per un mix elettrico del genere – sottolinea lo studio - sarà importante investire in una rete elettrica “intelligente”, la famosa “smart grid” capace di accogliere e coordinare l’energia fluttuante (aleatoria) fornita dalle rinnovabili, nella quale si integrerà benissimo la diffusione di auto elettriche e ibride plug-in.
Dal punto di vista economico, la transizione verso un sistema energetico a basse emissioni è un modo per stimolare l’economia. Gli investimenti nelle rinnovabili sono passati dai 20 miliardi di dollari del 2002 ai 71 del 2007. Nel 2006 negli Stati Uniti le rinnovabili hanno dato lavoro a 386mila persone. Il compito della classe politica in questo momento – spiega Flavin – è sostenere lo slancio economico di questo settore, vulnerabile alla crisi perché caratterizzato da aziende relativamente piccole e sottocapitalizzate.
Obama, con gli ingenti investimenti in rinnovabili ed efficienza promessi, pare muoversi nella direzione giusta e giustificare l’ottimismo del Worldwatch Institute e del suo presidente Flavin, che conclude così la presentazione del documento: “Siamo all’inizio di una rivoluzione energetica, con una leadership politica forte potremmo cogliere l’opportunità unica di usare tecnologie e politiche per scongiurare la più grande minaccia creata dall’uomo che il nostro pianeta abbia mai affrontato”.

EXPO MILANO 2015 - ITALY

Che cos’è l’ExpoEsposizione mondiale è il nome generico che indica diverse grandi esposizioni tenutesi fin dalla metà del XIX secolo. L’organismo internazionale che regola la frequenza, la qualità e lo svolgimento delle esposizioni è il Bureau International des Expositions (tipicamente abbreviato in BIE) nato da una convenzione internazionale siglata a Parigi nel 1928. Attualmente aderiscono al BIE 98 Stati.Le esposizioni gestite dal BIE sono esposizioni internazionali di natura non commerciale con durata superiore alle tre settimane organizzate ufficialmente da una nazione e che prevedono la partecipazione delle altre nazioni invitate tramite canali diplomatici dalla nazione ospitante.La prima Esposizione Universale è generalmente considerata quella tenutasi a Londra nel 1851.Il successo di questo evento ha spinto altre nazioni ad organizzare iniziative similari, come l’Exposition Universelle di Parigi del 1889 ricordata per la creazione della Torre Eiffel.Fin dall’inizio il BIE ha identificato due differenti categorie di esposizioni: le esposizioni universali e le esposizioni specializzate.

Expo Universali e Expo Internazionali
Le due categorie di esposizione hanno le seguenti caratteristiche:
Esposizioni Internazionale Registrata (World Exhibition) - comunemente nota come Esposizione Universale
  • Frequenza: ogni 5 anni
  • Durata: almeno 6 mesi
  • Area: non si prevedono limitazioni
  • Tema: generale (che interessa la gamma completa dell’esperienza umana).
Esposizione Internazionale Riconosciuta - comunemente nota come Esposizione Internazionale o specializzata
  • Frequenza: durante gli intervalli tra due Esposizioni Internazionale Registrate
  • Durata: almeno 3 mesi
  • Area: almeno 25 ettari
  • Tema: specializzato (sono solitamente unite da un tema comune).
Il tema dell’Expo: Feeding the Planet, Energy for Life

All’Expo i grandi problemi dello sviluppo sostenibile:L’Expo 2015 sarà uno straordinario evento universale che darà visibilità alla tradizione, alla creatività e all’ innovazione nel settore dell’alimentazione, raccogliendo tematiche già sviluppate dalle precedenti edizioni di questa manifestazione e riproponendole alla luce dei nuovi scenari globali al centro dei quali c’è il tema del diritto ad una alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutto il pianeta.Ecco alcuni dei temi di lavoro e di dibattito:
  1. Rafforzare la qualità e la sicurezza dell’alimentazione, vale a dire la sicurezza di avere cibo a sufficienza per vivere e la certezza di consumare cibo sano e acqua potabile;
  2. Assicurare un’alimentazione sana e di qualità a tutti gli esseri umani per eliminare la fame, la sete, la mortalità infantile e la malnutrizione che colpiscono oggi 850 milioni di persone sul Pianeta, debellando carestie e pandemie;
  3. Prevenire le nuovi grandi malattie sociali della nostra epoca, dall’obesità alle patologie cardiovascolari, dai tumori alle epidemie più diffuse, valorizzando le pratiche che permettono la soluzione di queste malattie;
  4. Innovare con la ricerca, la tecnologia e l’impresa l’intera filiera alimentare, per migliorare le caratteristiche nustritive dei prodotti, la loro conservazione e distribuzione;
  5. Educare ad una corretta alimentazione per favorire nuovi stili di vita in particolare per i bambini, gli adolescenti, i diversamente abili e gli anziani;
  6. Valorizzare la conoscenza delle “tradizioni alimentari” come elementi culturali e etnici.
All’Expo in mostra la frontiera della scienza e della tecnologia:
  • preservare la bio-diversità, rispettare l’ambiente in quanto eco-sistema dell’agricoltura, tutelare la qualità e la sicurezza del cibo, educare alla nutrizione per la salute e il benessere della Persona;
  • individuare strumenti migliori di controllo e di innovazione, a partire dalle biotecnologie che non rappresentano una minaccia per l’ambiente e la salute, per garantire la disponibilità di cibo nutriente e sano e di acqua potabile e per l’irrigazione;
  • assicurare nuove fonti alimentari nelle aree del mondo dove l’agricoltura non è sviluppata o è minacciata dalla desertificazione dei terreni e delle foreste, delle siccità e dalle carestie, dall’impoverimento ittico dei fiumi e dei mari.